Voi siete qui
Mondo Benedettino 

Il canto Gregoriano

Download PDF

Il canto gregoriano è considerato dalla Chiesa come “Bibbia cantata”, e nelle sue varie forme viene utilizzato nella liturgia nei monasteri benedettini. Il gregoriano è un canto a una sola voce e senza accompagnamento musicale. Gran parte del repertorio di canti venne composto durante il V e VI secolo nella schola cantorum, in cui la Chiesa formava i cantori che accompagnavano le funzioni. Durante l’VIII secolo i sovrani franchi adottarono la liturgia romana, dando vita al canto gregoriano propriamente detto, il gallico-romano. Durante il IX secolo esso si diffuse in tutto l’impero carolingio, e i monasteri benedettini divennero i punti di riferimento per la sua diffusione. In Italia, i due centri più attivi furono l’abbazia di Nonantola e quella di Montecassino. Dalla metà del XIX secolo, grazie a un lavoro di ricerca tuttora in corso, l’abbazia di Solesmes, in Francia, si è imposta come il principale centro mondiale di studio e conservazione del canto gregoriano.

In Italia, vi sono ottime scuole di canto gregoriano. Nel video, la suggestiva Missa De Angelis della Schola Gregoriana Mediolanensis.

Post correlati

EMERGENZA CORONAVIRUS

Se stai programmando di partire per il Cammino di San Benedetto, verifica con anticipo l’apertura delle ospitalità chiamando le singole strutture (trovi tutti i contatti aggiornati sulla guida “Il Cammino di San Benedetto” 4° edizione Terre di mezzo), la prenotazione è in ogni caso obbligatoria fino a nuove disposizioni.

Consulta sempre gli aggiornamenti sul sito per seguire l’evolversi della situazione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: