Voi siete qui
Sui luoghi del Cammino 

Trevi nel Lazio

Download PDF

Scendendo da Santa Scolastica, s’imbocca una valle con caratteristiche assolutamente uniche: non a caso è chiamata “Valle Santa”. Qui il fiume Aniene, scendendo dai “magici” Monti Simbruini, s’insinua in una verde e freschissima valle, una sorta di gola, stretta com’è tra due alte pareti rocciose, contornate da una vegetazione esuberante. In questo tratto il fiume è bellissimo, e in parecchi punti è possibile scendere al fiume per rinfrescarsi: in ogni senso! Pare che la temperatura dell’Aniene, scendendo dai Monti Simbruini, sia a una temperatura più o meno costante intorno ai 6°C, ciò che ne fa uno dei fiumi più freddi d’Italia (è alla stessa temperatura della Dora Baltea, che scende dal Monte Bianco!) E l’acqua è pulitissima, una vera gioia da vedersi…e quanta frescura vi si trova in piena estate, in quella magnifica gola! Tutto è bellezza, si comprende facilmente perchè l’abbiano chiamata in quel modo (per inciso, è altamente probabile che San Benedetto l’abbia percorsa, nel suo viaggio da Subiaco a Montecassino: a Trevi vi era sede vescovile, e Treba Augusta era ottimamente collegata da un sistema di strade). Nella guida descrivo dettagliatamente quello che troviamo in questo tratto: oltre alla natura magnifica, vi sono importanti resti romani. Dove termina la sterrata che attraversa tutta la Valle Santa, a Comunacque, troviamo infatti un’area archeologica corrispondente al luogo di captazione dell’Anio Novus (Aniene Nuovo), che fu il più importante degli acquedotti romani.

Vi è anche una piccola cascata, molto suggestiva, in prossimità della confluenza del torrente Simbrivio nell’Aniene. Dopo una salita intermedia, il tratto finale costeggia nuovamente l’Aniene: a Trevi entriamo per un’antica via, cui il Cammino può ridare nuova vita.

Trevi nel Lazio: un piccolo paese dalla grandissima storia! Il paesino sorge su di un colle intorno all’antica rocca innalzata dai Caetani a guardia dell’alta valle dell’Aniene. Fin da epoche remote questa terra fu abitata dagli equi, una popolazione italica che venne sottomessa dai romani, i quali fecero di Treba Augusta unacolonia posta sotto la diretta giurisdizione imperiale. Pertanto, le testimonianze romane si sprecano! Ma vi è altro. In paese, sono assolutamente degni di nota l’oratorio di San Pietro Eremita, con un pregevole gruppo marmoreo di scuola berniniana; e la collegiata di Santa Maria Assunta, del XV secolo, in stile barocco con un monumentale organo del 1634. La cripta della collegiata custodisce poi le spoglie di San Pietro Eremita (e molto ci sarebbe da dire su questo santo poco conosciuto ma veneratissimo dai Trebani…e non solo!); mentre nel castello Caetani, alla sommità del paese, soggiornò nientemeno che quel Benedetto Caetani che passerà alla storia come Papa Bonifacio VIII.

Basta poi guardarsi intorno per rimanere stupiti dall’incanto del luogo: qui i Monti Simbruini raggiungono il massimo dello splendore, e sarebbe davvero molto bello, avendo qualche giorno in più a disposizione, concedersi qualche magnifica camminata verso cime che toccano i 2.000 metri. Nella nuova edizione, propongo un facile trekking sui Simbruini per raggiungere il Santuario della SS.ma Trinità di Vallepietra (andata e ritorno in giornata da Subiaco; oppure in 2 giorni se dalla SS.ma Trinità si prosegue fino a Trevi, con pernottamento a Vallepietra: in questo caso il trekking diventerebbe alternativo alla tappa 11).

Virtual tour: Chiesa collegiata di S.MariaCascate di TreviCappella della Madonna del riposo

Post correlati

Lascia un Commento